Evitata l’amputazione della gamba , giovane salvato alla Montevergine.

19 gennaio 2018

Per la prima volta in Italia e in Europa è stato effettuato un intervento di ricanalizzazione della femorale superficiale occlusa con una nuova tecnologia laser a luce fredda, diversa da quella in uso in altre strutture ospedaliere,  utilizzando il  Dabbra Excimer laser della RA Medical System USA. L’intervento è stato effettuato nel laboratorio di Emodinamica della Clinica Montevergine di Mercogliano (Avellino). L’utilizzo di questo dispositivo già in uso negli Stati Uniti d’America, per altre applicazioni come alcune patologie dermatologiche , (psoriasi, vitiligine), ha permesso di riaprire agevolmente arterie interamente calcifiche, che con le tecniche tradizionali ci sarebbero state scarse possibilità di successo oltre al fatto che le procedure sarebbero state più lunghe e disagevoli per il paziente. Gli interventi eseguiti dal dott. Angelo Cioppa, e dall’equipe dell’emodinamica, guidati dal dott. Tullio Tesorio, e dai medici Pucciarelli , Popusoi, Granata , Verdoliva e Salemme, sono state relativamente rapide ed hanno raggiunto un ottimo risultato senza la necessità di impianto di stent, ma con l’utilizzo di cateteri a palloncino a rilascio di farmaco per il mantenimento a distanza dei risultati. “Questa è la buona sanità al servizio del cittadino”,  ha dichiarato il dott. Cioppa,  “Grazie all’innovazione e alla ricerca possiamo migliorare gli standard di vita dei nostri pazienti affetti da arteriopatie ostruttiva degli arti inferiori.  Molti di questi casi si presentano a noi come ultima spiaggia, prima dell’amputazione e senza alcuna possibilità di trattamento chirurgico. Poter dare a questi pazienti la speranza di una vita migliore – conclude Cioppa - è l’obiettivo che da sempre persegue la clinica Montevergine”.